Partita sospesa al Parco dei Principi fra Paris Saint-Germain ed Istanbul Başakşehir dopo soli 16′ di gioco nel primo tempo. Il motivo è una presunta frase razzista pronunciata dal quarto uomo Sebastian Coltescu all’indirizzo di un tesserato della squadra turca, che ha chiesto spiegazioni a gran voce prima di abbandonare il campo a braccetto con giocatori e dirigenti del PSG. La discussione è nata in occasione dell’espulsione di Pierre Webo, oggi vice-allenatore dell’Istanbul Başakşehir: “No al razzismo” è il tweet pubblicato pochi minuti dopo dai canali ufficiali del club.

Champions League, la Juve sbanca il Camp Nou: 0-3 al Barça. Lazio agli ottavi