Non si assisteva da oltre 33 anni alla sfida tra Genoa e Parma in Serie B, categoria dove le due proprietà americane hanno visto scendere le loro squadre e dalla quale, però, vogliono presto uscire. Blessin e Pecchia non hanno lesinato in complimenti vicendevoli alla vigilia di questa sfida, consapevoli del valore delle rispettive avversarie. Alle 16,15 sarà il campo a parlare. I rossoblu perdono Ilsanker per una distrazione muscolare e proseguono nel recuperare gradualmente Sturaro senza rischiarlo prima della pausa, ma rimpolpano la panchina con Aramu, Strootman e Puscas che potrebbero avere qualche chance a gara in corso. Pecchia, dal canto suo, non ha convocato Charpentier, recentissimo ex rossoblu. Dirigerà l’incontro Camplone della sezione arbitrale di Pescara. Guida andrà al VAR.


NOTIZIARIO

Un terreno di gioco in condizioni decisamente migliori rispetto alle precedenti uscite del Genoa farà da palcoscenico alla sfida. Sono 23 i gradi percepiti, con un leggero vento di tramontana e una pioggia costante, ma non eccessivamente forte, che bagna il Ferraris già da un’ora prima rispetto al fischio iniziale. Grande attesa per la cornice di pubblico: il Genoa, come si apprende, ha raggiunto quota 20.239 abbonamenti e nella giornata di oggi ha accolto più di 24mila spettatori paganti. Saranno oltre 500 i tifosi del Parma. Prima del fischio iniziale premiato Alberto Razzetti, tifoso rossoblu e nuotatore italiano medaglia d’oro agli Europei di Roma nei 400 misti.


FORMAZIONI UFFICIALI

GENOA (4-2-2-2): Martinez; Hefti, Bani, Dragusin, Pajac; Badelj, Frendrup; Jagiello, Gudmundsson; Coda, Ekuban. A disposizione: Agostino, Semper, Sabelli, Vogliacco, Czyborra, Galdames, Strootman, Portanova, Aramu, Puscas, Yeboah, Yalçin. Allenatore: Alexander Blessin.

PARMA (4-2-3-1): Chichizola; Coulibaly, Circati, Romagnoli, Osterwoolde; Juric, Bernabè; Man, Vazquez, Mihaila; Inglese. A disposizione: Buffon, Corvi, Balogh, Benedyczak, Estevex, Tutino, Bonny, Ansaldi, Del Prato, Sohm, Valenti, Zagaritis. Allenatore: Fabio Pecchia.


CRONACA

1′ – Il primo pallone sarà del Genoa. Continua a piovere sul Ferraris.

4′Primo sussulto del Parma con Mihaila che trova l’opposizione di Martinez dal centro dell’area.

5′ – Coda prova a mettere in mezzo un cross, leggermente deviato da Coulibaly, ma l’arbitro Camplone e l’assistente di linea non ravvisano angolo.

10′ – Primi dieci minuti in archivio. Alle prime folate del Parma prova a rispondere un Genoa ancora troppo impreciso nella zona centrale di campo e in difficoltà nell’aprire il gioco su Hefti, spesso solo.

13′Ottima chiusura di Dragusin in scivolata su Mihaila, innescato in ripartenza direttamente da Chichizola.

16′Prima la traversa di Jagiello servito da Gudmundsson che aveva lasciato sul posto Coulibaly, poi il vantaggio rossoblu con Frendup che scarica un potente mancino a battere Chichizola.

20′ – Primo angolo della partita a favore del Parma.

21′Pareggio del Parma cin Inglese, che ribadisce in gol una rovesciata di Mihaila che sarebbe finita fuori, ma trova la testa del compagno di reparto tenuto in gioco da Dragusin. Punteggio in parità.

22′ – Ammonito Vazquez.

24′ Ci prova Vazquez: Martinez controlla il pallone che sfila sul fondo.

26′ – Primo cartellino giallo tra le file rossoblu all’indirizzo di Badelj.

27′Gioco fermo per un problema fisico a Mihaila, toccato duro da Hefti. Nel prestare soccorso al giocatore crociato passeranno almeno due minuti di gioco che verranno auspicabilmente recuperati.

30′ – Giunta la mezz’ora di gioco. Risultato fermo sul punteggio di parità.

35′ – Badelj pesca bene Coda in area di rigore, ma la posizione del numero 9 rossoblu è al di là dell’ultimo difensore crociato. L’azione prosegue, ma poi verrà segnalato offside.

36′ È un minuto più tardi che il Genoa spreca la chance per andare sul 2-1 con Frendrup che insiste anziché allargare il pallone al limite dell’area e si fa chiudere da Romagnoli, che innesca la ripartenza avversaria. Ripartenza sulla quale è il Parma a trovare la strada del vantaggio con un tiro di Mihaila deviato da Dragusin che inganna Martinez.

39′ – Secondo giallo all’indirizzo del Genoa: questa volta Camplone punisce Gudmundsson.

41′Pareggia il Genoa con Hefti, che ribadisce in rete un’uscita poco sicura e avventata di Chichizola su cross di Pajac dalla sinistra. Partita nuovamente in equilibrio.

44′ – Ammonito Juric.

45′ – Un minuto di recupero che il Genoa inaugura battendo il primo angolo della gara. Battuta che verrà rispedita fuori dall’area di rigore dalla difesa crociata. Camplone decreta così la fine della prima frazione sul punteggio di 2-2.

foto TanoPress

46′ – Parte la ripresa e lo fa senza cambi da entrambe le parti.

48′Palla splendida di Badelj in profondità per Gudmundsson, che attacca l’area e si procura calcio di rigore per lo sgambetto di Bernabè in ripiegamento difensivo. Dal dischetto va Coda, che si sblocca in campionato e segna la rete del 3-2.

52′Ammonito Coulibaly per una vistosa trattenuta su Ekuban. Camplone avrebbe potuto accordare il vantaggi con Gudmundsson avviato verso la porta.

54′Annullato il gol del 4-2 al Genoa: lo aveva firmato Ekuban. La motivazione è il fuorigioco di Dragusin che aveva ribadito in area di rigore.

55′ – Primi cambi per il Parma: dentro Ansaldi, Estevez e Benedyczak al posto Man, Juric e Coulibaly.

59′ – Primo corner per il Genoa in questa ripresa, il secondo della partita. Rossoblu momentaneamente in dieci perché Ekuban deve cambiare la maglia strappata.

61′ – Espulso il team manager rossoblu Vecchia per proteste all’indirizzo del quarto uomo.

62′ – Ammonito Bani.

64′ – Terzo tiro dalla bandierina per il Grifone. Ekuban prova a prolungare la traiettoria di testa sul secondo palo, ma colpisce male. Sarà rimessa dal fondo per il Parma.

65′ – Blessin esegue la prima sostituzione: dentro Portanova al posto di Jagiello.

68′ – Buona punizione per il Genoa sulla trequarti, ma la difesa crociata è attenta in marcatura sui saltatori rossoblu.

70′ – Si entra negli ultimi venti minuti di partita.

71′Bani provvidenziale in chiusura su Inglese sotto la Nord. Era stato Mihaila dalla sinistra a servirlo in mezza all’area tutto in solitudine.

73′ – Doppio cambio per Blessin: dentro Yalçin e Yeboah al posto di Coda ed Ekuban.

76′ – Ci prova Gudmundsson dalla distanza: pallone alto. Rimessa dal fondo per il Parma.

78′ – Fuori Osterwoolde, dentro Zagaritis.

80′ – Ultimo cambio per mister Pecchia: dentro Tutino al posto di Inglese.

81′ – Hefti salva di faccia su una potente conclusione dal limite di Bernabè. Da qui si innescherà una ripartenza che porta il Genoa a battere il quarto angolo della partita.

82′ – Problemi di crampi per Pajac. Gioco fermo.

83′ – Pajac ha bisogno del cambio: al suo posto entra Vogliacco.

85′Fallo a favore del Parma per un fallo di Gudmundsson su Vazquez. La formazione ospite avrà una buona punizione dai trenta metri.

88′Il Parma va dalla bandierina su chiusura di Dragusin, che mette una pezza al precedente velo mal calcolato di Frendrup a centrocampo. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina il pallone viene scodellato sul secondo palo dove colpisce Estevez, che batte Martinez. Partita sul 3-3.

90′ – Saranno quattro i minuti di recupero. Il Genoa ora è in sofferenza.

90’+1′Doppia giallo a Gudmundsson: per l’arbitro camplone è lui a fare fallo su Bernabè a palla lontana. Salterà la trasferta di Palermo.

90’+3′ – L’ultima occasione la avrà il Genoa su punizione. Pallone calciato da Portanova e deviato in angolo, ma senza che l’arbitro lo faccia calciare. Gara terminata sul punteggio di 3-3.

foto TanoPress

TABELLINO

GENOA (4-2-2-2): Martinez; Hefti, Bani, Dragusin, Pajac (83′ Vogliacco); Badelj, Frendrup; Jagiello (65′ Portanova), Gudmundsson; Coda (73′ Yalçin), Ekuban (73′ Yeboah). A disposizione: Agostino, Semper, Sabelli, Vogliacco, Czyborra, Galdames, Strootman, Portanova, Aramu, Puscas, Yeboah, Yalçin. Allenatore: Alexander Blessin.

PARMA (4-2-3-1): Chichizola; Coulibaly (55′ Benedyczak), Circati, Romagnoli, Osterwoolde (78′ Zagaritis); Juric (55′ Estevez), Bernabè; Man (5′ Ansaldi), Vazquez, Mihaila; Inglese (80′ Tutino). A disposizione: Buffon, Corvi, Balogh, Benedyczak, Estevex, Tutino, Bonny, Ansaldi, Del Prato, Sohm, Valenti, Zagaritis. Allenatore: Fabio Pecchia.

MARCATORI: Frendrup (16′), Inglese (21′), Mihaila (36′), Hefti (41′), Coda (48′), Estevez (88′)

AMMONIZIONI: Vazquez (22′), Badelj (26′), Gudmundsson (39′), Juric (44′), Coulibaly (51′), Bani (62′)

ESPULSIONI: Vecchia (61′, team manager Genoa), Gudmundsson (90’+1′)