Il Genoa è partito ieri pomeriggio per Milano, dove oggi giocherà in un San Siro a porte chiuse contro il Milan (ore 15). Nella notte è stato firmato un nuovo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri nel quale fra le misure urgenti di contenimento del contagio da coronavirus rientrano misure drastiche per lo spostamento in tutta la regione Lombardia e nelle 14 province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Asti e Alessandria.

Al punto A si legge: “Evitare in modo assoluto ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori di cui al presente articolo, nonché all’interno dei medesimi territori salvo che per gli spostamenti motivati da indifferibili esigenze lavorative o situazioni di emergenza”. Inoltre,  ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre “è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e di limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante”. Tra le esigenze lavorative indifferibili dovrebbero rientrare anche le sfide del campionato di Serie A – e così delle leghe minori – che porteranno ad entrare e uscire dai confini lombardi squadre di tutta Italia. Domani, ad esempio, sarà il turno di Milan-Genoa.

 

Da quanto si legge all’interno del decreto, “sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati“, ma “resta consentito lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico. In tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano“.

Le misure, come per gli altri decreti emanati nele ultime 72 ore, avranno decorrenza sino al 3 aprile prossimo. Data alla quale si estende anche la chiusura delle scuole. In chiave calcistica, è bene evidenziare come da qui alla scadenza del nuovo Dpcm il Genoa affronterà anche il Brescia e ospiterà il Parma, comune che diventerà zona rossa. La Serie A per adesso non ha dato nuove comunicazioni in merito e le gare in programma domani e lunedì dovrebbero svolgersi regolarmente secondo le regole e limitazioni di cui vi abbiamo già dato notizia nella giornata di venerdì.


IL DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 

DPCM_20200308

Milan-Genoa: i convocati di Nicola. C’è Sturaro, Rovella con la Primavera