Dopo Ivan Juric, anche l’allenatore del Genoa, Alexander Blessin, ha parlato ai colleghi di Sky Sport. Le parole iniziali le ha spese per i tifosi: “È sempre stata così l’atmosfera – ha detto – solo che nelle altre partite abbiamo solo pareggiato. Sono orgoglioso di come i tifosi sono con noi, dobbiamo credere nella salvezza”.

“Abbiamo giocato in dieci per un’ora, siamo rimasti compatti, abbiamo fatto un ottimo lavoro anche se non abbiamo creato tante occasioni. Niente è più importante di una vittoria.

Non è l’ultima partita della stagione, ci sono ancora tante altre sfide. È solo una vittoria, dobbiamo ancora lavorare. Non dobbiamo pensare di aver ottenuto troppo, oggi festeggiamo ma domani dobbiamo tornare a lavorare. Ho trovato una squadra ricettiva, pronta quando sono arrivato ed è per questo che sta funzionando.

Cambio di mentalità? Questa è la base per lottare, è sempre stata una delle idee principali in ogni sessione di allenamento. Ci sono altre otto partite ancora da giocare, non ho mai pensato però che la mia squadra non abbia mentalità.

“Destro? Quando vinci una partita e più facile per un giocatore capire di essere stato sostituito per alcune situazioni tattiche. Nel secondo tempo serviva un giocatore e una squadra diversa per mantenere lo stesso pressing e la stessa intensità”.


Genoa, Zangrillo: “Abbiamo giocato in tredici. Possiamo prenderci delle rivincite”