Il Giudice Sportivo si è pronunciato poco in merito alle sanzioni maturate durante l’ottava giornata di Serie A. Genoa parzialmente  interessato dal comunicato della Lega, con Roberto Muzzi (collaboratore nello staff di Andreazzoli, da oggi non più l’allenatore dei rossoblu) squalificato per due giornate e costretto a 5.000 euro di multa “per aver contestato una decisione arbitrale con atteggiamento plateale e irrispettoso e per aver gridato al Direttore di gara un epiteto insultate mentre usciva dal recinto di giuoco”. Sempre tra le fila genoane si segnala Radovanovic alla seconda sanzione e Kouamé alla prima.

Multa di 10.000 euro e sanzione per due giornate all’allenatore del Lecce, Fabio Liverani, “per avere rivolto al Quarto ufficiale, urlando, un’espressione irriguardosa, accompagnata da gesto di plateale dissenso”. Ammonizione con ammenda di 2.000 euro per Federico Chiesa, colpevole di aver simulato in area di rigore nel Monday Night tra Brescia e Fiorentina.

Lungo paragrafo, in apertura, dedicato alla ormai nota vicenda legata agli ululati razzisti nei confronti di Ronaldo Vieira nel corso di Sampdoria-Roma. Sul fatto, di cui ha fatto cenno anche il direttore di gara (su segnalazione del quarto uomo) riferendolo al Responsabile dell’Ordine Pubblico designato al Ferraris, sono stati disposti “accertamenti supplementari a cura della Procura Federale”.

IL COMUNICATO DEL GIUDICE SPORTIVO DOPO L’OTTAVO TURNO 

cu64

Insulti razzisti, la Roma è con Ronaldo Vieira: “Metteremo al bando i responsabili”