Prende corpo la Nazionale italiana Under 15 e lo fa col secondo appuntamento dedicato agli stage coordinati dal tecnico federale Patrizia Panico. Il primo si era svolto lo scorso 26 settembre a Cremona, il prossimo avrà inizio mercoledì 17 ottobre, con raduno presso il Centro Tecnico Federale di Coverciano. Qui si terrà la seconda selezione riservata ai classe 2004 tesserati con i club del Centro/Nord Italia. Come riporta il sito della FIGC, sbagliando però nell’attribuire Francesco Mazzon al Genoa (il giovane centravanti milita nel Venezia, ndr), il tecnico federale Patrizia Panico ha convocato per l’occasione 36 calciatori. Di questi trentasei calciatori, sette proverranno dal Genoa Under 15 allenato da mister Davide Brunello, squadra che, terza in classifica in campionato e con una gara in meno rispetto alla capolista Juventus, ne fornirà il maggior numero (6) assieme all’Empoli. Di seguito l’elenco dei convocati.

PORTIERIEdoardo Ascioti (Genoa), Elia Boseggia (Chievo Verona), Gianmarco Fantoni (Empoli), Filippo Manzari (Fiorentina);

DIFENSORI: Nicolò Fenotti (Brescia), Riccardo Montalbani (Bologna), Simone Barsi (Empoli), Alessandro Renzi (Empoli), Marco Nalesso (Padova), Christian Cherubini (Cremonese), Gabriele Cagia (Genoa), Francesco Martini (Sassuolo), Christian Biagetti (Fiorentina), Simone Giorgeschi (Sampdoria), Mattia Motolese (Bologna), Gabriele Indrangoli (Empoli);

CENTROCAMPISTI: Lorenzo Amatucci (Fiorentina), Alessio Mele (Genoa), Carlo Milano (Sassuolo), Andrea Palella (Genoa), Tommaso Maressa (Empoli), Riccardo Belotti (Brescia), Jacopo Casadei (Bologna), Sebastiano Verzini (Chievo Verona);

ATTACCANTI: Federico Accornero (Genoa), Tommaso Beltrano (Spezia), Tommaso Rimondo (Genoa), Francesco Mazzon (Venezia), Filippo Panicucci (Empoli), Enrico Scarparo (Padova), Thomas Castaldo (Parma), Cristian Sighinolfi (Sassuolo), Lorenzo Gori (Fiorentina), Luca Baldari (Sassuolo), Vittorio Bagnoli (Livorno), Costantino Favasuli (Fiorentina).


https://buoncalcioatutti.wpmudev.host/2018/06/19/tatabox-il-modo-di-studiare-a-genova-e-cambiato/