Il giorno, sì, di letizia, e di vittoria, è questo“. Sarebbe stato più bello citare Vittorio Alfieri e la sua tragedia “Saul” per giocare di rimessa tra la Spagna e una vittoria dell’Under 21 azzurra. In realtà, nella giornata che attendeva l’appuntamento di questa sera in Polonia, l’Italia di Di Biagio, andata a scontrarsi con le Furie Rosse col 4-3-3, ha giocato una partita combattiva e accorta per almeno 60′: poi l’espulsione di Gagliardini e il parziale ritardo di Donnarumma sul secondo gol spagnolo hanno condannato gli azzurrini a una sconfitta per 3-1, decisa da quel Saùl Ñiguez che dal 2012 a questa parte ha già collezionato  90 presenze con l’Atletico Madrid. Rivincita persa ancora dall’Italia, illusa dal migliore dei suoi: Bernardeschi.

“Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo – ha spiegato mister Di Biagio ai microfoni di Rai Sport al termine della sfida – mentre nel secondo loro hanno preso il sopravvento. Con un cartellino rosso è diventato poi tutto più complicato e loro hanno preso il dominio del gioco. Le distrazioni di mercato hanno distratto? No, non hanno influito in alcun modo. Questa squadra pensavo potesse arrivare in fondo. Il nostro obiettivo era quello di rilanciare il calcio italiano e penso ce l’abbiamo fatta in questi anni: il nostro lavoro è stato buono“.

L’ARRESTO DI COMAN – Nella serata sono arrivate anche altre notizie, tra cui quella dell’arresto di Kingsley Coman, ex calciatore della Juventus, ora in forza al Bayern. Il giocatore è stato arrestato in Francia per violenza domestica.

NUOVE AVVENTURE PER CATTELAN – Non è stato invece arrestato, ma semplicemente convocato e tesserato per giocare in prima categoria Alessandro Cattelan, noto conduttore di Sky, che dal prossimo anno darà una mano ad alcuni suoi amici giocando tra le file dell’Hic Sunt Leones, ex Derthona.

RIGONI E IZZO SI LANCIANO LA SFIDA A NEUSTIFT – Per chiudere con il Genoa, è proseguita oggi sui social la lunga ed allargata schermaglia tra i giocatori rossoblu. In particolare, ha suscitato interesse il guanto di sfida che Rigoni e Izzo, ironicamente, si sono lanciati a distanza, dandosi appuntamento in ritiro. Un ritiro dove li aspetta una sfida a footvolley che evidentemente si protrae da tutto l’anno e che sta avendo nell’estate un lungo periodo di allenamento e di preparazione fisica e tecnica. Interessante evidenziare come entrambi i calciatori si siano dati appuntamento reciprocamente in ritiro, in Austria, proprio mentre il turbinìo del mercato allontana quasi quotidianamente Izzo dal Genoa. in realtà, come detto già nell’appuntamento delle ore 21, l’attesa per le prime mosse rimane, pur senza particolari indicazioni.