Il calcio è fatto di terminologia tecnica e, sempre più spesso, di abusi e licenze poetiche. Il calcio ha però un suo vocabolario, ben chiaro e condivisibile, che aiuta nel racconto – anche e soprattutto giornalistico – delle partite. La famosa cronaca. Abbiamo deciso di aggirare l’estate, coi suoi milioni di nomi sul calciomercato, con alcune puntate del vocabolario del calcio.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA PRIMA PUNTATA

  • Difensore centrale: deve avere qualità di comando, capacità di gestire difensori e centrocampisti. Deve avere muscoli e forza d’impatto, essere in grado di controllare il ruolo nei momenti difficili, accorciare sull’avversario e prendere iniziative;
  • Esterno di difesa e di centrocampo: capacità di salire pallone al piede e andare via nell’uno contro uno , la differenza è la capacità di salire negli ultimi venti metri mantenendo l’intensità di corsa e lucidità per mettere il pallone nel mezzo;
  • Attaccante: saper disimpegnarsi con l’avversario di fronte anche in spazi ridotti; tiro secco e  preciso anche ad effetto; sentire la porta avversaria e dirigervi il pallone; scatto, elevazione con buona tecnica a colpire il pallone con la testa, in grado di fare finte;
  • Diagonale difensiva: azione collettiva di copertura con tre difensori partecipanti. Ce la facemmo spiegare a dovere già anni fa da Giovanni Masala, presidente della Sezione di Genova dell’Associazione Italiana Allenatori:

  • Raddoppio di marcatura: situazione di gioco in cui sono coinvolti tutti i giocatori, in particolare sulle corsie laterali;
  • Copertura: situazione in cui un difensore affronta l’avversario per togliergli il pallone o disturbarlo. Alle spalle deve sempre esserci un compagno;
  • Temporeggiamento: operazione di marcamento da fare quando il reparto è in inferiorità numerica;
  • Contrasto/tackle: può essere davanti, laterale, in scivolata e lo si effettua in caso di emergenza e sicuri di prendere il pallone;
  • Intercettamento: ha l’obiettivo di interrompere l’azione offensiva avversaria, agendo direttamente sul pallone. Operazione da fare in prevalenza da parte dei centrocampisti.

Il vocabolario del calcio #1: dallo smarcamento alla zona luce