Tempo di Coppa Italia, aria di turnover, sfida all’incertezza e alla stanchezza. Se Ivan Juric deve trovare (giocoforza) la prima vittoria dal suo ritorno in sella, dall’altro lato della barricata la Virtus Entella “non verr√† a Genova per fare una passeggiata”.¬†Il tecnico di Spalato cercher√† una personale rivincita al 3-0 sub√¨to per mano del Brescia di Roberto Boscaglia nel marzo del 2016, quando a segnare fu anche Mazzitelli, che ieri si √® per√≤ fermato nel corso dell’allenamento. Con tutta probabilit√†, il centrocampista non sar√† fra gli 11 rossoblu che scenderanno in campo al Ferraris¬†nella giornata di gioved√¨.

All’ombra dell’ultimo sole, alle ore 18 andr√† in scena¬†Genoa-Entella, scherzo del destino che aprir√† le porte alla sfida contro la Roma. Un modo come un’altro per rendere pi√Ļ dolce il Natale. A Genova, una citt√† che per qualcuno “√® un’idea come un’altra”, la sfida contro gli amici, simpatizzanti e rivali chiavaresi non potr√† n√© dovr√† esserlo. Anche perch√© a partire dagli Ottavi di Finale, come da nuovo regolamento, lo stadio in cui verr√† giocata la gara di coppa verr√† sorteggiato a tavolino. E un Genoa-Roma al Ferraris, per uno strano scherzo del destino, potrebbe rievocare buoni ricordi.

NESSUNA PASSEGGIATA –¬†Parola proprio di¬†Boscaglia, che con una media punti di 2,50 nel mese di novembre ha visto i suoi ragazzi prima scivolare a Siena, poi fermarsi sul pareggio di fronte a¬†Cuneo e¬†Novara. Che una delle tre gare andr√† ripetuta per un errore dell’arbitro designato non conta ai fini dell’analisi, analisi che mette sotto i riflettori una corazzata (per la categoria) costretta a pagare dazio a furia di giocare ogni 3 giorni. Fattore che pu√≤ pesare, anche con una rosa ampia e ben organizzata come quella agli ordini di Boscaglia. Gi√† nel 3-2 contro l’Olbia erano arrivati segnali di cedimento.¬†

La classifica dei biancocelesti, dopo 8 partite convalidate, li vede ad altrettante lunghezze dalla capolista Carrarese, con 6 gare in meno rispetto ai gialloblu di Baldini, che “allena¬†gratis¬†in un calcio pieno di ladri e incompetenti”. Tanto nelle 6 vittorie consecutive quanto nel triplo passo falso, Boscaglia si √® affidato a un 4-3-1-2 non poi cos√¨ distante dalla variante messa in campo dal Torino nell’ultimo turno di campionato. Chiaramente con effettivi diversi. La forza dei chiavaresi √® nel trio di centrocampo: Nizzetto, Eramo e Paolucci, sempre che vengano confermati nella sfida di gioved√¨, costituiscono un vero e proprio lusso per una squadra di Serie C. Esperienza, tecnica e fantasia, con tanto di un¬†Raphael Martinho ancora inutilizzato epronto a prendersi un posto fra le linee.¬†

CONTRO IL GENOA – Con tutta probabilit√† cambieranno alcuni interpreti: da valutare la coppia difensiva, ovvero chi affiancare in difesa a Pellizzer, cos√¨ come il compagno di Mota Carvalho in attacco (Diaw, Tomi Petrovic, ma anche Caturano le possibili scelte) e le corsie laterali (Germoni e Belli i titolari, Crialese e Cleur le seconde linee). Il jolly¬†fra le linee sar√† l’ultima carta da scoprire. Dopo l’infortunio sub√¨to da Currarino (50 giorni di stop), √® stato Ardizzone a prenderne il posto, spalleggiato dal trio Eramo-Paolucci-Nizzetto. Visto lo scarso impiego di Adorjan, cresciuto nelle giovanili del Liverpool insieme a Suso e Luis Alberto, non sarebbe da escludere una chance dal primo minuto per il trequartista ungherese. Senza dimenticarsi di Simone Icardi, centrocampista duttile.¬†Paroni, portiere e veterano del club, potrebbe essere chiamato a rapporto al posto del giovanissimo Massolo, spezzino di scuola sampdoriana.¬†

Difficle stilare una probabile formazione questa mattina, soprattutto per una squadra che ogni tre giorni √® costretta a far rifiatare qualche uomo. Provando a leggere nella mente del tecnico siciliano, a poco pi√Ļ di 24 ore dalla gara di Coppa Italia, gli undici chiamati in causa dal primo minuto potrebbero essere: Paroni; Belli (Cleur), Baroni, Pellizzer, Crialese; Di Paola, Eramo, Nizzetto; Adorjan; Mota Carvalho, Diaw (Petrovic).¬†

STELLE CADENTI – Con un giorno di ritardo dalla notte di San Lorenzo, la sera dell’11 agosto scorso il Genoa di Ballardini metteva per la prima volta in vetrina il killer instinct di Krzysztof Piatek, gi√† assaporato per tutta l’estate dai cronisti disposti a far chilometri, senza affidarsi ad una connessione Wi-Fi o alle voci di un¬†giornalismo sportivo “dal divano”, voci¬†che oggi sembrano andare per la maggiore. Presentatosi a suon di gol anche in Serie A, contro il Lecce fece piovere dal cielo quattro reti in 37 minuti. Robe da record, da ricordare.¬†Per uno strano scherzo del destino, il pistolero polacco a quattro mesi di distanza ha una voglia matta di ritrovare la porta, farlo su azione e dopo un’amara sostituzione nella trasferta mutilata a Torino. Ecco che anche la gara di Coppa Italia, contro i corregionali dell’Entella, potrebbe rivelarsi un’opportunit√† per fare terra bruciata.

TWIST OF FATE – ¬†C’√® anche un lontano precedente fra Genoa e Virtus, presente negli almanacchi, in una fotografia nella sala stampa del Comunale e ripercorso dalla pagina sportiva di Repubblica nella giornata di ieri: quel giorno il Ferraris esult√≤, al fischio finale, per una vittoria striminzita raggiunta grazie al gol di Ramon Turone dalla lunga distanza. Per un altro scherzo del destino, rossoblu e biancocelesti si affronteranno in una settimana cruciale per due motivi diversi: chi con uno scontro diretto alle porte, quello contro la SPAL, e chi ancora nell’incertezza di un campionato tutto da recuperare ancor prima che da vivere. Per pi√Ļ di qualche testa, penna o interprete, la sfida di¬†Coppa Italia¬†sar√† un apostrofo sulla frase manzoniana¬†s’ha da fare. Chiss√† che per una volta la competizione pi√Ļ bistrattata non possa trasformarsi, da semplice virgola, a punto fermo in una stagione di alto e basso. Basta citazioni e frasi fatte. Niente scherzi. Gioved√¨ sera, che siano prime o seconde linee, conteranno equilibrio e concretezza.

ARBITRA MARINI – Appartenente alla sezione di Roma, l’arbitro designato¬†Valerio Marini negli ultimi tre anni ha diretto per quattro volte la Virtus Entella in Serie B. Nelle gare di Coppa Italia dirette dal commercialista 36enne non risultano precedenti con i rossoblu. In stagione sono 7 le gare dirette: 6 in cadetteria, poi il Secondo Turno di TIM Cup fra Benevento ed Imolese. Assistenti saranno¬†Borzom√¨ di Torino e Chiocchi di Foligno, quarto uomo Meraviglia della sezione di Pistoia.


Genoa, in allenamento si ferma Mazzitelli