18 anni senza il capitano Gianluca Signorini. Lo ricordiamo con un video e con le parole di Franco Scoglio: “Gianluca nel tempo diventerà leggenda. Crescerà nel tempo come una figura straordinaria, anche se nel tempo tutti noi diventiamo piccoli e sconosciuti: di Gianluca invece resterà un ricordo sempre crescente. Io, da piccolo, il capitano me lo ricordo come una figura invincibile. Come nei film western. E Signorini era un invincibile. Il capitano è colui che quando si vince, nello spogliatoio, deve esaltarsi. Ma un secondo dopo essere ponderato e pensare subito alla battaglia che ci sarà. Ogni partita è una battaglia, un intero campionato è una guerra: l’ho sempre detto ai miei giocatori. Prima di entrare in campo siete tutti belli, ma non sapete mai come ne uscirete. Perché sul campo può cogliervi anche la morte. In questo senso, il capitano deve calmare, stemperare le emozioni e fagocitare le malinconie di una sconfitta. Gianluca è tutto questo. Un grande nel saper vincere, uno splendido uomo nell’accettare la sconfitta“.