Dopo il Borussia Möenchengladbach, altra iniziativa di un’intera prima squadra in Europa, compresi staff tecnico e dirigenti, che decide di decurtarsi lo stipendio di propria iniziativa per pagare i restanti componenti della società, quelli cioè che concorrono alla vita del club, ma non direttamente operativi sul campo: “membri del personale a tempo e il personale occasionale”, per un totale di 272 persone. La notizia arriva dall’Inghilterra, dalla capolista del campionato di Championship, il Leeds United allenato da Marcelo “Loco” Bielsa. La conferma è arrivata attraverso il sito ufficiale del club di Elland Road, il cui presidente è l’italiano Andrea Radrizzani.

Il Leeds United conferma che giocatori, personale tecnico e dirigenza si sono offerti volontari per un differimento salariale per garantire che tutto il personale non calcistico di Elland Road e Thorp Arch possa essere pagato. 

La diffusione del virus COVID-19 ha visto il Regno Unito e molte altre nazioni in tutto il mondo in uno stato di “blocco” e, sebbene vi sia un impegno condiviso per completare la stagione, non esiste un piano concreto per una data di ritorno. La mancanza di infissi, la cancellazione di eventi, l’impatto sulle entrate accessorie e la chiusura del mercato del finanziamento del calcio costeranno al club diversi milioni di sterline al mese.

A seguito di un regolare incontro tra l’amministratore delegato Angus Kinnear, il direttore del calcio Victor Orta e diversi giocatori della prima squadra, si è deciso di rinviare parte dei propri stipendi per garantire che il club possa continuare a pagare tutti i 272 membri del personale a tempo e la maggior parte del personale occasionale per i prossimi mesi.

Collettivamente la squadra della prima squadra del Leeds United ha dichiarato: “Il Leeds United è una famiglia, questa è la cultura che è stata creata da tutti nel club, dai giocatori e dall’organigramma dello staff e dai tifosi sugli spalti. È quindi importante lavorare tutti insieme per trovare il modo in cui il club possa superare questo periodo e terminare la stagione nel modo in cui tutti speriamo di poter fare. Nel frattempo, lavoriamo come un’unica cosa per ascoltare i consigli del governo e il servizio sanitario e battere questo virus“.

Il direttore sportivo del Leeds, Victor Orta, ha poi aggiunto che i “giocatori hanno dimostrato un incredibile senso di unità e solidarietà e siamo orgoglioso delle loro azioni. A Marcelo, al suo staff e a tutti i giocatori, va il nostro ringraziamento per aver messo al primo posto la nostra squadra più ampia, quella che si è presa cura della famiglia. Ora dobbiamo concentrarci sulla salute pubblica e, quando le persone saranno al sicuro, finiremo ciò che abbiamo iniziato”. A nove gare dal termine, infatti, la squadra di Bielsa è al primo posto, pronta a centrare la promozione in Premier League.


Michele Uva, vicepresidente UEFA: “Priorità completare campionati nazionali”