APOEL, AZ, Braga, Gent, LASK, Sporting Lisbona, Wolfsburg e Wolves si uniscono a Siviglia, Espanyol, Celtic e Manchester United sulla lista delle squadre già qualificatesi ai sedicesimi di finale di Europa League. Mancano all’appello, con una giornata ancora da disputare, entrambe le squadre italiane, ovvero le due romane. Se la Roma vede avvicinarsi il passaggio del turno grazie alla vittoria di spessore conquistata in Turchia contro l’Istanbul Basaksehir, la Lazio deve ancora sperare e resta appesa ad una flebile speranza anche dopo l’1-0 conquistato in casa (con una squadra imbottita di riserve) ai danni del Cluj. Simone Inzaghi si coccola Correa e si aggrappa all’ultima giornata del girone, quando dovrà battere il fanalino di coda Rennes in Francia e confidare in una vittoria della capolista Celtic, già qualificata.

VOLANO MONETINE – Da segnalare, nell’ampia vittoria dei giallorossi di Fonseca contro gli avversari in maglia arancione, un episodio di cui è stato vittima Lorenzo Pellegrini. Colpito sul filo del fallo laterale da una monetina lanciata dagli spalti, il centrocampista è stato costretto a lasciare il campo per farsi medicare il capo, visibilmente insanguinato. La Roma si sbarazza dell’Istanbul Basaksehir – avversario sulla carta tutt’altro che abbordabile – grazie ai gol messi a segno da Veretout, Kluivert e Dzeko, tutti nel primo tempo. A pari punti con il Borussia Mönchengladbach, con un punto di vantaggio proprio sui turchi, contro il Wolfsberger basterà conquistare un punto per evitare figuracce.

KAMADA SAMURAI – L’Eintracht Francoforte vince all’Emirates Stadium in rimonta. Lo fa con la solita spavalderia e grazie a due prodezze ravvicinate di Daichi Kamada, capace di stendere l’Arsenal nel giro di 10 minuti. L’estro del fantasista giapponese, vicinissimo a vestire la maglia del Genoa nella scorsa sessione di calciomercato, fa rialzare al cielo i cartelli rossi con hashtag #EmeryOut. La qualificazione dei Gunners non sembra essere a rischio, la pazienza dei tifosi londinesi sembra aver traboccato il vaso. Sconfitta indolore per il Manchester United, vittoria all’ultimo respiro per il Malmö, super rimonta del Porto, pareggio pirotecnico che fa contenti tutti in Braga-Wolverhampton. Tanti gironi restano aperti, le blasonate CSKA Mosca e Besiktas salutano la competizione dopo un inatteso ruolo di comparsa.