Le prima serata di ritorno degli ottavi di finale della Champions League, iniziata ieri sera con Borussia Dortmund-Tottenham Real Madrid-Ajax, ha visto gli Spurs raggiungere i quarti e i Galácticos, invece, vincitori delle ultime tre edizioni, uscire dalla competizione sotto gli sguardi increduli del Santiago Bernabéu. Oggi è un altro giorno, a salire sul palcoscenico tocca a Roma e Manchester United, fuori casa rispettivamente contro Porto e PSG. Se i portoghesi sono riusciti ad offuscare, grazie alla rete di López arrivata a 10′ dal triplice fischio, la brillante prova della Lupa all’Olimpico, non si può dir lo stesso per i Red Devils di Solskjær, usciti sconfitti per due reti a zero dall’Old Trafford.

OPORTO – Avvio difficile per la Roma, chiusa per buona parte di tempo nella propria metà campo dai portoghesi, alla disperata ricerca del gol che li porterebbe a pareggiare il risultato, tenendo conto che all’Olimpico finì 2-1 per i giallorossi. I costanti tentativi dei padroni di casa vengono premiati al 26esimo quando, su assist di Maréga, Tiquinho Soares infila Olsen. Ma la gioia dura poco, perché al 36′ Militão atterra fallosamente Perotti in aerea di rigore costringendo Çakır ad indicare il dischetto: 1-1, perfetto rigore di Daniele De Rossi (al suo primo centro in questa edizione di Champions, ndr). Prima del fischio di fine frazione lo stesso capitano della Roma, causa problemi muscolari, sarà costretto a lasciare il campo: al suo posto Pellegrini.

Tornati sul rettangolo di gioco il Porto trova subito la rete del 2-1 con Maréga, che solo qualche minuto prima aveva sfiorato il gol trovando una sensazionale parata di Olsen. All’inizio del primo tempo supplementare Di Francesco è costretto ad effettuare il quarto ed ultimo cambio della serata: Pellegrini, entrato nel primo tempo al posto di De Rossi, è costretto ad uscire anche lui a causa di un problema muscolare, e far posto a Schick  (prima quarta sostituzione nella storia della Champions, ndr). La vera beffa, però, arriva nei minuti finali del secondo tempo supplementare quando il fischietto turco, dopo essere stato richiamato dal VAR e aver rivisto l’azione, assegna un rigore al Porto per una trattenuta di Florenzi su Fernando: dal dischetto Alex Telles infrange i sogni della Roma, costretta a fermarsi agli ottavi di finale.

PARIGI – Al Parco dei Principi un errore di Buffon, che si lascia sfuggire il pallone, porta Lukaku a raddoppiare, dopoché aveva firmato il vantaggio passati appena due minuti di gioco sfruttando anche in queso caso una disattenzione avversaria. Tra i due centri, il PSG domina e trova il momentaneo pareggio con Bernat, che infila De Gea a porta vuota.

Nella seconda frazione il copione non cambia: i francesi continuano a bersagliare la porta dello United e, se non fosse stato per una posizione in offside di Di Maria, avrebbero trovato anche il pareggio. Gol sbagliato, gol subito: dopo un legno colpito da Bernat, i Red Devils, in pieno recupero, pareggiano dagli undici metri con Rashford. Serata da incubo per Buffon, eliminato nuovamente da un rigore al 92′ come accadde a Madrid con la Juventus. Nonostante la sconfitta dell’andata e dieci indisponibili, il Manchester United compie l’impresa a Parigi e vola ai quarti di finale.

Venerdì 15 marzo, a Nyon, verranno sorteggiati i quarti di finale, in programma il 9 e 10 aprile, quelli di andata, e il 16 e 17 aprile, quelli di ritorno. Al momento del sorteggio non ci saranno teste di serie, per cui potranno affrontarsi squadre provenienti dallo stesso paese.


Champions League, l’Ajax elimina un Real Madrid smarrito. Avanti anche il Tottenham