LessonBOOM, la startup che permette agli appassionati delle nevi di rendere più semplice la prenotazione in Svizzera di lezioni con i professionisti

Siete prossimi a fare qualche giorno sulla neve? Volete prenotare in anticipo la lezione con il maestro direttamente da casa? LessonBOOM, allora, è quello che fa per voi!

Siete prossimi a fare qualche giorno sulla neve? Volete prenotare in anticipo la lezione con il maestro direttamente da casa? LessonBOOM, allora, è quello che fa per voi!

Questa startup è nata quest’anno da una lungimirante idea di Giovanni Ghigliotti, di cui è anche il Presidente, il quale ha capito sulla propria pelle che “nell’organizzazione di una vacanza sulla neve alcuni passaggi oramai sono diventati veramente complicati, per cui, con LessonBOOM, ho provato a rendere il tutto più semplice”.

CHE COS’È LESSONBOOM?LessonBOOM è il portale per organizzare la propria vacanza sulla neve, ideato per offrire un servizio comodo e veloce con i migliori specialisti della montagna. Uno degli obiettivi principali che si è posto Ghigliotti mettendo in piedi la società è proprio quello di rendere migliore l’organizzazione di una discesa sulla neve. Il tutto, però, in maniera innovativa: se qualche anno fa, nel completamento dell’organizzazione della classica settimana bianca, era necessario recarsi in loco per prenotare una o più ore di lezione con i professionisti, adesso, grazie proprio a LessonBOOM, si può fare comodamente seduti dal divano di casa. Infatti, con questa startup, è diventato possibile prenotare lezioni istantaneamente anche da smartphone e sapere già quale maestro sarà disponibile per quel giorno e per quell’ora contattandolo via chat. Il servizio è disponibile solo per coloro che desiderano andare a sciare e operano all’interno delle località sciistiche svizzere.

QUALI SONO GLI OBIETTIVI DI LESSONBOOM? – L’obiettivo primario di questa giovane società è quello di tutelare i professionisti aderenti al progetto e, soprattutto, i clienti. Come ci ha confidato Ghigliotti, a breve termine l’obiettivo è quello di crescere sempre più nel territorio svizzero; a lungo termine, invece, la volontà è quella di espandersi negli altri paesi. L’intento di questa giovane startup è quello di semplificare la vita anche al maestro, rendendolo totalmente autonomo e facendogli scegliere in prima persona tariffa oraria, località, giorni e orari in cui lavorare.

COME SI PUÒ COLLABORARE CON LESSONBOOM? – Per candidarsi alla piattaforma e partecipare più attivamente al progetto ‘LessonBOOM’, i maestri di sci e/o snowboard devono essere certificati da Swiss Snowsports. Le candidature, che termineranno martedì 22 ottobre 2019, sono aperte anche a coloro che si occupano del digitale. I maestri che decideranno di candidarsi dovranno lavorare in una delle 180 località sciistiche della Svizzera al momento della registrazione alla piattaforma. Sarà fondamentale, inoltre, un’ottima conoscenza di italiano, inglese e tedesco. Invece, gli appassionati che desidereranno usufruire di questo servizio, non dovranno far altro che seguire i passaggi presenti sul sito (CLICCA QUI).

PERCHÈ UN CLIENTE DOVREBBE USUFRUIRE DI LESSONBOOM? – Gli appassionati, sia essi sciatori che snowboarder, usufruendo di questa piattaforma potranno decidere tutto dal proprio divano. Cosa che permette anche di non incorrere in quei soliti inconvenienti che potrebbero presentarsi in loco, come ad esempio la non disponibilità dei maestri in quel preciso momento. Uno dei vantaggi per chi desidera prendere lezioni risiede anche nella modalità di pagamento, il quale verrà saldato direttamente al maestro a lezione finita. Se la lezione, per cause di forza maggiore, non dovesse essere svolta, i soldi verranno immediatamente restituiti.

PERCHÈ UN MAESTRO DOVREBBE ADERIRE A LESSONBOOM? – Per un maestro la sottoscrizione al portale è molto importante, dal momento che se si metterà in rilievo e riceverà dopo ogni lezione recensioni da parte della clientela, potrà partecipare più attivamente al progetto. Se sei un maestro e desideri iscriverti a LessonBOOM, CLICCA QUI.

Per maggiori informazioni, oltre al sito web e al canale YouTubeè possibile consultare le pagine Facebook, Instagram e LinkedIn.